giovedì 22 ottobre 2015

Associazione tra classe di concorso e aree di potenziamento all'Usr Puglia, "penalizzata discipline giuridiche ed economiche"

Associazione tra classe di concorso e aree di potenziamento all'Usr Puglia, "penalizzata discipline giuridiche ed economiche"
LUCCA - Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei Diritti umani ha appreso con profondo sconcerto e immenso disappunto quanto comunicato dall’USR (Ufficio Scolastico Regionale) della Puglia in merito all’associazione effettuata tra classe di concorso e aree di potenziamento. Dai dati - riporta un comunicato stampa - si evince che la classe di concorso A019 - discipline giuridiche ed economiche - viene catastroficamente e irrimediabilmente penalizzata, ancora una volta. Infatti i posti messi a disposizione, sic stantibus rebus, sono pochissimi. L’A019, discipline giuridiche ed economiche, non è stata inclusa nel campo di potenziamento umanistico socio - economico e per la legalità delle scuole secondarie di I grado, disattendendo totalmente la raccomandazione Lavagno allegata alla Buona Scuola circa l’utilizzazione in ogni istituto di almeno un’unità appartenente a tale classe di concorso. Ricordiamo che la nostra azione, in quanto coordinamento, mirava appunto al riconoscimento della materia dei Diritti Umani, anche attraverso il contingente connesso al promesso potenziamento. Tutto ciò purtroppo avrà serie ripercussioni anche su coloro che attualmente sono già di ruolo, in quanto non si creeranno di sicuro nuovi spazi occupazionali. Ci auguriamo che dal ministro Stefania Giannini possano arrivare al più presto indicazioni o chiarimenti atti a rassicurare gli animi di chi ha dato credito all’azione del Governo in relazione allo svuotamento delle graduatorie, che, allo stato attuale diverrebbe impraticabile; tanto più che in passato il ministro aveva dichiarato, Festa dell’Unità del 2 settembre a Torino, di voler impiegare in maniera massiccia personale attinto proprio dall’A019. Invitiamo tutti gli interessati a prendere coscienza di quanto sta accadendo e a vigilare costantemente su quelle che saranno le iniziative poste in essere dal MIUR.
Professore Romano Pesavento

Nessun commento:

Posta un commento