martedì 1 dicembre 2015

Il pensare filosofico dei ragazzi con disabilità nel Progetto dei Giovani pensatori dell’Università degli Studi dell’Insubria

Il pensare filosofico dei ragazzi con disabilità nel Progetto dei Giovani pensatori dell’Università degli Studi dell’Insubria
VARESE - Il Progetto dei Giovani Pensatori diversamente abili si presenta: il 4 dicembre 2015 dalle ore 15 alle 18, nell’Aula Magna del Collegio Cattaneo, via Dunant 5, Varese, è in programma un seminario per raccontare l’esperienza dell’apertura al pensare filosofico dei ragazzi con disabilità nell’ambito del Progetto dei Giovani pensatori dell’Università degli Studi dell’Insubria. Un incontro per confrontarsi e raccontare l’esperienza del progetto di didattica filosofica dell’Università dell’Insubria. Giunto alla sua Settima Edizione, il Progetto di didattica filosofica del Centro Internazionale Insubrico, diretto dal professore Fabio Minazzi, ha quale connotazione primaria quella di ritenere l’interrogazione filosofica un patrimonio di pensiero che intende abbracciare bambini e giovani di ogni ordine di scuola e di capacità cognitiva; quest’anno è dedicato al tema “Filosofia, critica e conoscenza”.
Partecipano all’incontro: Fabio Minazzi (direttore Centro Internazionale Insubrico, Università degli Studi dell’insubria), Il filosofare come diritto civile: Il progetto dei Giovani pensatori; Emanuele Boscolo (Università degli Studi dell’Insubria), Crisi finanziaria e sostenibilità dei diritti sociali: il caso del diritto all’inclusione scolastica dell’alunno disabile; Silvia Torraca  (Università degli Studi dell’Insubria), Diritti fondamentali e riparto di giurisdizione: il diritto al sostegno scolastico del disabile come “terreno di scontro” tra giurisdizioni; Rita Bartolini (Università Bicocca, Milano), Luce e ombra nello stesso giorno; Giovanna Brebbia (medico), presentazione dei video, Il lavoro piace, Friendly a cura di Giovanna Brebbia; Monica Stramaccia (Istituto Comprensivo Pellico, Varese 2), BES come Ben Essere a Scuola: quale inclusione?; Marika Colombo, Alberta Iovino, Maria Luisa Tomasina, Rita Vergerio (Scuola primaria S. Benedetto di Voltorre), Prendiamoci il nostro tempo…; Katia Catalano (poetessa), Pur nei versi non c’è diversità; Marina Lazzari (Centro Internazionale Insubrico), Costruire la casa filosofica, Le ragioni del progetto dei Giovani pensatori diversamente abili; Stefania Barile (Centro Internazionale Insubrico), presentazione della Mostra fotografica “La Persona Down. Progettiamo un futuro adulto” organizzata da Giovanna Brebbia, fotografie di Carlo Meazza.

Nessun commento:

Posta un commento